PAOLO AGOSTA

Official Web Site
BIO

Bio.htmlshapeimage_2_link_0
HOME


Home.htmlshapeimage_3_link_0
MUSIC
VISUAL
MUSIC

Music.htmlshapeimage_9_link_0
DISCOGRAPHY
Discography.htmlshapeimage_10_link_0
BUNKER HOME STUDIO
Bunker_Home_Studio.htmlshapeimage_11_link_0
CORSI PRIVATI
Corso_di_produzione_musicale.htmlshapeimage_12_link_0
LABLE
Lable.htmlshapeimage_13_link_0
SHOP
Shop.htmlshapeimage_14_link_0
OROC
ORIENTE E OCCIDENTE / 2003

Diverse culture, differenti colori, varie forme e stili di vita rappresentate dagli scatti di Davide Orlandi e Paolo Agosta.
I due autori, partendo da singole immagini scattate in questi anni, hanno dato vita ad un’unica espressione d’arte; la composizione prende così una propria identità non più scindibile in due parti, ma divenendo un’unica forma di espressione e comunicazione oggetto di riflessione nell’osservatore.
Con queste composizioni fotografiche non si vuole imporre nessun giudizio sui due mondi, quello orientale e quello occidentale, lasciando libero l’interlocutore di dare spazi alle proprie sensazioni.
I due mondi vengono tuttavia messi a confronto in parallelo e contrapposizione, l’attrazione degli opposti che in certi momenti si uniscono in perfetta simbiosi. 
L’esaltazione della vita orientale, dove tutto scorre lentamente in perfetta armonia, luogo dove l’individuo raggiunge una pace interiore, spazi sconfinati e dove un singolo colore è sufficiente per donare sicurezza, quiete e tranquillità. Tutto questo è l’espressione di una filosofia di vita, dove l’essenziale raggiunge una sua intera completezza; qui non sono presenti secondi fini, ai limiti della semplice ingenuità, tutto è alla ricerca della condivisione, della semplicità e sincerità.
E come nel taoismo con lo ying e lo yang, a questo si accosta il mondo occidentale presentato nella sua totale realtà, stile di vita complesso pieno di contraddizioni e difficoltà, espressione di vita dove non sempre si ha una facile interpretazione, dove un semplice sguardo od un oggetto può nascondere diverse emozioni, una realtà dove non sempre si può andare oltre la superficialità e l’apparenza, ma al tempo stesso capace di regalare momenti di rara intensità riscoprendo le sensazioni originarie.
Anche dal punto di vista tecnico, le immagini forniscono diversi stimoli e sono perfetti esempi di quello da loro rappresentato. Attraverso semplici forme geometriche o ritmi, si cercano punti comuni di interazione dando un significato all’intera realizzazione. Inoltre le immagini orientali vengono presentate esclusivamente a colori per esaltarne la vivacità ed il calore, scatti effettuati esclusivamente con macchina fotografica reflex per non modificare ogni singolo momento ripreso senza alcun artifizio.
Al contrario gli scatti in bianco e nero del mondo occidentale, sono effettuati per lo più in digitale ed in parte rielaborati per cercare di rappresentare la continua ricerca di perfezione, a volte esasperata, a discapito della realtà stessa, dove il colore a volte perde di significato.

Le immagini orientali sono di Davide Orlandi, provenienti per la maggior parte dal  Sud Est Asiatico dalla Birmania, Vietnam e dalla Cambogia, passando di città in città tra le quali Yangon, Siem Reap, Phnoom Penh, Cantho, Saigon, Mui Ne, Phan Thiet, Hanoi e Halong.  
Collabora con diverse organizzazioni onlus ed operatori turistici.
Le immagini occidentali sono di Paolo Agosta, effettuate nelle città Europee quali, Milano, Urbino, Parigi, Bruxelles, Amsterdam, Londra e Dublino.

Opere presenti in vendita come esemplare unico od in tiratura limitata. 

Vi ringraziamo per la partecipazione.
Davide Orlandi	      Paolo Agosta
    










IV EDIZIONE DEL PREMIO CHATWIN 
“OROC” E’ presentato da Elizabeth Chatwin all’interno della prestigiosa manifestazione “CAMMINANDO PER IL MONDO” che si tiene ogni anno a La Spezia.   




TOUR
La collezione fotografica va in Tour 
L' esposizione ha luogo nel settembre 2003 a Milano nel Fastweb Foyer del "Teatro Franco Parenti".   A ottobre è ospitata sempre a Milano dal "Centro Culturale 
Asteria".  A novembre a Roma in Castelnuovo di Porto, presso la Sala Multimediale di TOAssociati. 
Approda in dicembre a La Spezia all’interno del premio Chatwin


Photo.html